Fiere del Fumetto - Eventi e fiere su fumetti, comics, manga e cosplay
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su LinkedIn Condividi su Pinterest

#ILROMPI ospite a Forlive Comics and Games

#ILROMPI ospite a Forlive Comics and Games
Forlive Comics and Games 01 02 dicembre 2018 (Forlì)
Sabato, e solo sabato 1° dicembre, sarà ospite presso la fiera di Forlì #ILROMPI già fenomeno del web con le sue tavole, e con il suo libro, fresco di stampa. “Disegno male quello che nella vita è peggio” in anteprima a Forlì, anche in edizione variant cover.
Di seguito, e in anteprima, una intervista rilasciata alla nostra redazione.
 
Chi è l’autore de #ILROMPI?
Mi chiamo Urbano Marano classe '79, residente a Riccione e laureato in Statistica e Informatica per l'Azienda, da 15 anni Responsabile del Reparto Marketing di un'affermata azienda che opera a livello interazione nel settore della ferramenta specializzata e appassionato di comunicazione. C'è chi mi dice che sono un tipo particolare, ma io mi definisco una persona come tante che ama il suo lavoro e che, come tutti, nei ritagli di tempo coltiva le proprie passioni. Tra queste, quella di scarabocchiare #ILROMPI
 
Ti definisci un Artista? Un disegnatore di fumetti?
No, assolutamente! Quando prendo la matita in mano sono solo uno “scarabocchiatore”. Perché è necessario rispettare il significato delle parole. Altrimenti si genera confusione, soprattutto quando parliamo di scarabocchi: sono già imprecisi per loro natura.
 
Come nasce #ILROMPI? Che idea c’è dietro?
È proprio dagli scarabocchi che nasce il personaggio de #ILROMPI: una specie di mio alter ego che “vede la luce” diversi anni fa tra le pagine dei libri scolastici; hai presente quelle pagine bianche tra un capitolo a l’altro? Ecco! Prendeva forma nei momenti di noia durante le lezioni, ma anche in quelli caratterizzati da quel senso di ribellione adolescenziale. Il motivo è banale come lo stesso disegno: ho scoperto che esprimere il mio disappunto o il mio pensiero con battute ficcanti camuffate in uno scarabocchio, era avvincente almeno quanto discutere animatamente con questo o quello. Però lo scarabocchio rimaneva una forma di protesta alternativa più ruffiana: divertiva, coinvolgeva più persone e talvolta riscuoteva consensi. E poi scrivere una battuta o lasciare un disegno era per me come lasciare una traccia nel tempo… Poi questa cosa è continuata negli anni, (un po’ per abitudine e un po’ per diletto), così negli anni, gli spazi dedicati a #ILROMPI sono aumentati: da quelli angusti dei libri universitari, si passa a quelli più ampi e confortevoli dei blocknotes da scrivania. Gli argomenti ora sono più “maturi”, però il tratto è rimasto quello: uno scarabocchio in bianco e nero, essenziale e tagliente. Chiaramente #ILROMPI crescendo con l’autore, affina il linguaggio, cambia i contenuti e oggi condivide lo spazio della vignetta con altri personaggi (reali): #LAROMPI sua compagna e l’inseparabile #CANE (nella realtà, un carlino).
 
Come hai fatto a far conoscere #ILROMPI alle persone?
Sono un appassionato di comunicazione, così solo poco tempo fa decido di pubblicare qualche vignetta sui miei canali Social e l’effetto è sorprendente: oggi il profilo Facebook è seguito da circa 80000 followers (qualcuno in meno su Instagram) senza contare i gruppi e le pagine nate come "fanclub". Ma non sono i numeri che danno soddisfazione: quella è regalata dall’entusiasmo delle persone che mi seguono, mi scrivono e condividono le vignette. Il motivo di questo risultato credo sia riconducibile al fatto che la vignetta descrive in modo sarcastico e dissacrante quello che accade a tutti nella vita di tutti i giorni, con gli amici o nella vita di coppia. In pratica chiunque ci si può rivedere.
 
Usi la tavoletta grafica?
Non so nemmeno che forma abbia una tavoletta grafica. Uso solo carta, matita, gomma e penna. Poi giusto il tempo per scattare una foto alla vignetta e si pubblica sui Social! #ILROMPI è naïf e un pochino romantico. Infatti la poesia dei mie scarabocchi si conclude così: pulendo il tavolo su cui scarabocchio, dai residui della gomma cancellata, ma col sorriso di chi per qualche minuto s’è divertito.
 
Dunque #ILROMPI è comico?
Non so… A chi fa ridere, a chi fa piangere e a chi fa arrabbiare. Perché in queste vignette uno ci si può rispecchiare, può prendere coscienza di quanto a volte risultiamo ridicoli e magari questa cosa può anche dare fastidio. A volte la verità fa male… Del resto sulla pagina Facebook de #ILROMPI campeggia la frase: SCARABOCCHIO MALE, QUELLO CHE NELLA VITA E’ PEGGIO. Però sapere che i miei scarabocchi fanno anche sorridere tantissimi mi fa tanto piacere: al giorno d’oggi lo reputo un vero privilegio.
 
Ma anche tu sei così “ROMPI” nella realtà?
Assolutamente! Ma poi, siamo tutti un po’ “rompi”. Per un motivo o per un altro ognuno di noi ha le sue fisime e i suoi modi per rendersi grottesco. Per quello mi diverto con questi scarabocchi: sono una caricatura di quello che vivo e osservo anche negli altri.
 
Ma di te non vuoi dire nulla?
Parlo pochissimo di me e, per dirla tutta, per l prima volta ho svelato il mio nome a Egisto Seriacopi e svelerò la mia identità proprio a Forlive Comics and Games: nemmeno alcune persone mie conoscenti che seguono #ILROMPI sanno che dietro questi disegnetti ci sono io! E’ buffo, no?
 
E quindi come concludiamo?
Che #ILROMPI si scrive tutto attaccato con il simbolo del "#".
Che le mie vignette sono rigorosamente scarabocchiate a Riccione. A mano. Ridendo.
#ilrompi#forlive2018#fieredelfumetto
45803858_1824134127684309_5930906333158047744_n
Pubblicata il: 10/11/2018